Decreto 3144: Attività didattiche dal 26 aprile 2021 e sino alla conclusione dell’anno scolastico 2020/2021

Il Dirigente Scolastico
DECRETA

 la ripresa delle attività didattiche in presenza a partire dal 26 aprile 2021 e fino al termine dell’anno scolastico, nella misura del 70% della popolazione scolastica.

Le attività didattiche si svolgeranno, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste per il contenimento della diffusione della pandemia da Covid 19, in presenza per le classi quinte nella misura del 100% degli alunni, nelle classi con un numero di studenti fino a 26 nella misura del 100% dei discenti e nelle rimanenti classi nella misura del 50%, con la rotazione delle presenze come da Allegato n. 1.

Per lo stesso periodo è attivata, per tutti gli altri studenti, la didattica digitale integrata, nei modi e nei termini disciplinati dalla normativa vigente, declinati nel Piano per la didattica digitale integrata, allegato al PTOF d’istituto.

Resta salva la possibilità di garantire la didattica a distanza in luogo di quella in presenza per gli studenti le cui famiglie ne faranno esplicita richiesta, nei modi e nei tempi che saranno comunicati con apposita circolare.

I docenti saranno presenti a scuola secondo il proprio orario di servizio e collaboreranno per l’ordinato ingresso e uscita degli studenti e per l’applicazione della normativa di sicurezza.

Tutto il personale e gli studenti e le studentesse frequentanti sono infatti tenuti ad osservare scrupolosamente le norme di sicurezza previste per il contenimento e la prevenzione del contagio da Covid 19 e a rispettare il Protocollo anti - Covid condiviso e pubblicato sul sito della scuola e integrato da ogni disposizione successiva.

In particolare si dovranno indossare appropriate protezioni respiratorie, igienizzarsi o lavarsi le mani secondo le procedure consolidate e osservare il distanziamento fisico. A tal proposito si rimanda a quanto indicato nel Rapporto ISS Covid-19 n. 4/2021: “…si ritiene che un metro rimanga la distanza minima da adottare e che sarebbe opportuno aumentare il distanziamento fisico fino a due metri, laddove possibile e specialmente in tutte le situazioni nelle quali venga rimossa la protezione respiratoria (come, ad esempio, in occasione del consumo di bevande e cibo).

E’ evidente che tutte le misure di prevenzione, protezione e precauzione devono essere applicate in maniera scrupolosa anche al di fuori dell’orario scolastico.

Allegati
decreto 3144 del 24 aprile 2021.pdf

Ultima modifica il 24-04-2021 da Maria Grazia Tundo